Quando Fascismo e Resistenza saranno consegnati alla storia?

 

PACIFICAZIONE NAZIONALE E MEMORIA CONDIVISA

 

Il Sindaco di Milano Letizia Moratti propone di riunire in un unico sacrario le spoglie di tutti i combattenti della guerra civile Italiana del 1943/45 sull’esempio della Spagna di Franco che, a guerra finita (che fu ben peggiore e cruenta di quella italiana), fece riposare le vittime di entrambe le parti in un unico grande cimitero,"La Valle dei Caduti".

Apprezzo e condivido lo spirito della proposta che va nell’auspicata direzione del superamento delle divisioni e per una memoria “condivisa”. Ma, temo, sia irrealizzabile. Nonostante siano passati oltre sessant’anni le posizioni di entrambe le parti sono rimaste immutate, soprattutto da parte antifascista.

Sappiamo tutti che durante quei terribili anni ci sono stati atti di violenza gratuita e disumana, sia da una parte sia dall’altra, ma mentre i crimini fascisti ci sono ricordati e ben documentati ad ogni piè sospinto, delle nefandezze dei partigiani, compiute soprattutto a guerra finita, si preferisce spesso sorvolare e questo provoca, comprensibilmente, il risentimento di coloro che combatterono dall’altra parte.

Ci sono voluti i libri di Gianpaolo Pansa sull’altra faccia della resistenza, quella meno nobile, per far conoscere al grande pubblico cosa fu la guerra partigiana, eppure durante le celebrazioni ufficiali del 25 aprile, dal Presidente della Repubblica al Sindaco di paese, di quei fatti dolorosi non se ne fa cenno, per non ombrare il mito della resistenza a cui, peraltro, una parte politica deve le sue fortune.

Per motivi anagrafici non ho vissuto quei terribili anni, ma ho letto e ascoltato molto e sono convinto che anche coloro che caddero della "parte sbagliata", i combattenti della Repubblica Sociale Italiana (e per favore non continuiamo a chiamarli con il termine dispregiativo di “repubblichini”), meritino rispetto e considerazione, almeno coloro che si batterono volontari e in perfetta buona fede, ben sapendo di andare a perdere. Anche loro sono morti per l’Italia.

Come riconosciamo i partigiani comunisti che lottarono per l’affermazione dei loro ideali, pur essendo questi in contrasto con i principi di libertà e democrazia (di cui troppo spesso ci si riempie la bocca), allo stesso modo dobbiamo rispettare coloro che scelsero, in assoluta libertà e consapevolezza, di seguire Mussolini nella sua ultima battaglia.

Quando, sia da parte partigiana sia da parte fascista, ci sarà il reciproco riconoscimento dei propri errori, senza abiure e con il massimo rispetto per l’avversario di ieri, quando la speculazione politica verrà messa alla porta e al 25 aprile sarà dato un altro significato, allora, solo allora, potremo parlare di pacificazione nazionale e di memoria condivisa e finalmente Fascismo e Resistenza potranno essere consegnati alla Storia, quella vera.

 

Artorius

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia negata. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Quando Fascismo e Resistenza saranno consegnati alla storia?

  1. Gianfredo ha detto:

    Carissimi ,
     posso permettermi di farVi invio del mio “ERO UN BALILLA” PUBBLICATO IN GIUGNO DA GRECO & GRECO DI MILANO ?
     E’ UNA TESTIMONIANZA DEGLI ANNI 1935-1948 ED IN PARTICOLARE DEGLI ANNI 43-45 VISTI DA UN BAMBINO POI RAGAZZINIO ( SONO DEL 1931 ) !
     COMMENTO AL VOSTRO MESSAGGIO:  IN ITALIA NESSUNO HA MAI PRONUNCIATO UNA NUOVO DISCORSO DI “ GETTYSBURG !
     E POI IO NON METTEREI MAI NEL  FAMEDIO DI MILANO UN MIO PARENTE  IN COMPAGNIA DI UN GIOVANNI
    PESCE DETTO VISONE,. TUTTI NE PARLANO MA NESSUNO HA MAI ELENCATO LE SUE  “ IMPRESE “  IN DETTAGLIO.
     AMMAZZAVA LA GENTE A TRADIMENTO PER FAR SCATENARE LA GUERRA CIVILE SU ORDINE DELLA DIRINFENZA DEL PCI E DI MOSCA.
     SALUTI CORDIALI
     FERRUCCIO  RAPETTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...