Paghino i debiti di Alitalia, invece di sbraitare.

 
FORMIGONI VUOLE LA GRANDE MALPENSA?
Allora incominci a pagare i debiti di Alitalia!
 

Una delle principali cause del forte indebitamento dell’Alitalia deriva dai doppi costi che la nostra compagnia di bandiera deve sostenere per mantenere la sua presenza in due aeroporti intercontinentali, Fiumicino e Malpensa, fra loro in concorrenza.

A ciò si aggiungono i costi di trasferta per il personale di volo che, essendo in buona parte residente a Roma, ogni mattina prende l’aereo (a spese dell’Alitalia) per raggiungere Malpensa.

Politici e imprenditori del Nord voglio il loro grande aeroporto? allora che si facciano carico, di tasca propria, dei debiti che l’Alitalia ha accumulato in questi anni a causa della scellerata politica del doppio Hub.

E già che ci siamo mettano in bilancio il risarcimento ai residenti per la salute compromessa e i costi per il risanamento ambientale del Parco del Ticino (zona classificata dall’UNESCO come riserva naturale della biosfera).

Dopo di chè avranno titolo, nel rispetto dell’ambiente e delle persone che ci vivono, di avere il loro grande aeroporto.

 

2 Febbraio 2008

Ufficio stampa Excalibur

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Contro Info. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Paghino i debiti di Alitalia, invece di sbraitare.

  1. Gianfredo ha detto:

    Grazie della segnalazione. verrà pubblicata sul settimanale Ecotur

  2. Gianfredo ha detto:

    OK. sono dello stesso vostro parere. Grazie Pietro Ciabattini

  3. Gianfredo ha detto:

    Pubblicato su:
     
    http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=5822
     
    Luca Di Grazia
     

  4. Gianfredo ha detto:

    Grazie, dell\’invio della news. Alla prossima.www.welfarenetwork.itGian Carlo Stortidirettore@welfarenetwork.it

  5. fabio ha detto:

    mi chiedevo se avevate un sito, una sezione a milano, o una mailing list.ad majora

  6. federico ha detto:

    Buogiorno a tutti voi di Excalibur, mi presentomi chiamo Federico residente a Lonate Pozzolo – studente-. A me sembra che il vostro millantare spirito territoriale e giustizia per i cittadini Lonatesi sia in antitesi con la lotta esasperata contro Malpensa.Se non mi sbaglio Malpensa da lavoro a gran parte dei Lonatesi e il taglio dei voli che avverrà andrà a nostro discapito.Si, ne guadagneremo in salute, con meno aerei sopra le nostre teste, MA questo taglio porterà disoccupazione, la quale grava anch\’essa sulla salute del Lonatese disoccupato.SONO d\’accordo con il fatto che Malpensa ha portato con se cose negative, tipo l\’esasperata corsa delle imprese locali a sommergere i paesi limitrofi di villette a schiera e condomini, stravolgendo il paesaggio e aumentendo lo SPRAWL urbano. Ciò porterà ad una fusione dei comuni e alla trasformazione in un\’unica periferia dormitorio degli stessi, senza più un\’identità.Io PERO\’ sono dell\’idea che la colpa di tutto ciò non sia direttamente di Malpensa ma delle giunte dei paesi limitrofi. Essi hanno subìto e  non hanno saputo con adeguate politiche ambientali, economiche accusare il colpo speculativo che inevitabilmente un grande intervento come quello di Malpensa porta con se.Sono dalla vostra per quanto riguarda il Parco del Ticino, ma sono combattuto tra la sopravvivenza odierna dei Lonatesi(mantenendo attiva Malpensa e i posti di lavoro) e la sopravvivenza futura dei Lonatesi(per quanto riguarda l\’aria che respireremo un giorno senza parte del Nostro polmone verde).La decisione è ardua.Ritengo che la soluzione migliore a tale situazione sia: essere propositivi. Nel momento del problema varare diverse ipotesi di risoluzione cercando di giungere a compromessi favorevoli per entrambe le parti. Di modo da instaurare un rapporto in sinergia.Io così ho fatto per la sostituzione della recinzione del comune di Lonate e per l\’abbatimento di tre alberi settantennali all\’interno del perimetro comunale (Senza essere considerato, come spesso capita), ma le proposte erano valide e attuabili, mancavano solo un po\’ più di voci dalla mia parte.Vi prego di non trattare quasta come una lettera polemica, ma solo un diverso punto di vista a favore di uno scambio di idee costruttivo.Saluti. Federico

  7. fabio ha detto:

    suvvia federico…è il liberalismo…se una compagnia aerea pratica nel volo (mettiamo caso) londra-milano, tariffe che normalmente sono il triplo delle altre compagnie estere che cosa vuoi farci?selezione naturale in economia…non competi? chiudi…e purtroppo nonostante il mio amor di patria, trovandomi davanti al listino prezzi dei voli… beh… l autarchia che vado tanto cianciando scompare dalla mia mente…l\’italia non riesce minimamente a competere con i nuovi mercati con queste regole (liberal-capitaliste?)… chiu… ehm, cambia sistema economico, e lo sostituisce con uno che gli si addice… (concetto troppo massimalista questo)detto sinteticamenteche ci vogliamo fare… il protezionismo non esiste in questa società e neanche dovrebbe esserci se certi liberali avessero un briciolo di coerenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...