PASQUA SENZA SACRIFICI

LA FEDE NON SI DIMOSTRA A TAVOLA

Un bel giorno Dio chiamò a rapporto Abramo e gli ordinò di uccidere suo figlio Isacco come prova di fede.

Quando Abramo, sul Monte Moriah , stava per scannare il suo unico figlio, arrivò il contrordine: invece di tuo figlio ammazza un montone, fa lo stesso. E da quel giorno l’agnello sacrificale divenne il simbolo, di sangue, della Santa Pasqua.

Fuori dalla fede ci domandiamo: come può un Dio che si definisce buono e misericordioso ordinare ad un suo discepolo di compiere il più atroce dei delitti? E come può un padre, per assecondare il proprio Dio, apprestarsi a compiere l’insano gesto?

Ognuno di noi si domandi se valga veramente la pena rendersi complice dell’uccisione di un agnello, un esserino che non ha neppure avuto la possibilità di diventare adulto, per ingraziarsi il proprio Dio.

La fede si dimostra tutti i giorni con i gesti di pace e di amore e non seduti ad una tavola imbandita.

Immagine2

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...