PRODEZZE PARTIGIANE

Come i liberatori trattavano le donne catturate

di Gianfredo Ruggiero

Giuseppina Ghersi era una bambina di appena 13 anni quando fu picchiata, stuprata e uccisa dai partigiani con l’accusa di essere al servizio del regime fascista.

Studentessa delle magistrali alla “Rossello” di Savona scrisse un tema che la maestra inviò al Duce ottenendone i complimenti: questa la sua colpa.

La mattina del 25 aprile 1945, Giuseppina fu sequestrata da tre partigiani e portata nei locali della Scuola Media “Guido Bono” a Legino, adibito a Campo di Concentramento per i fascisti.

Le cosparsero la testa di vernice rossa e le vergaro la emme di Mussolini sulla fronte per essere poi esibita in pubblico come un trofeo di caccia. Fu pestata a sangue e violentata per giorni.

Il 30 aprile fu posto fine al suo martirio con un colpo di pistola alla nuca e il suo corpo gettato, insieme ad altri, su un cumulo di cadaveri davanti al cimitero di Zinola.

01_Ausiliaria_Rsi

Giuseppina Ghersi e i suoi aguzzini partigiani prima di essere violentata e uccisa. Notare lo sguardo compiaciuto di questi squallidi figuri

Al riconoscimento della piccola partecipa Stelvio Murialdo il quale dà una testimonianza agghiacciante:

 «…erano terribili le condizioni in cui l’avevano ridotta, evidentemente avevano infierito in maniera brutale su di lei, senza riuscire a cancellare la sua giovane età. Una mano pietosa aveva steso su di lei una sudicia coperta grigia che parzialmente la ricopriva dal collo alle ginocchia. La guerra ci aveva costretto a vedere tanti cadaveri e in verità, la morte concede ai morti una distesa serenità; ma lei, quella sconosciuta ragazza NO!!! L’orrore era rimasto impresso sul suo viso, una maschera di sangue, con un occhio bluastro, tumefatto e l’altro spalancato sull’inferno. Ricordo che non riuscivo, come paralizzato, a staccarmi da quella povera disarticolata marionetta, con un braccio irrigidito verso l’ alto, come a proteggere la fronte, mentre un dito spezzato era piegato verso il dorso della mano” …»

Lo scrittore Giampaolo Pansa, uno dei massimi conoscitori della guerra partigiana, nel suo libro “Bella Ciao” dedica un capitolo ad un’altra triste vicenda: “Gli stupri di Brogli”

 La retorica resistenzialista e i libri che ne derivano hanno sempre ignorato l’esistenza del Campo di Brogli… un lager nella 6° Zona ligure, dove tra l’estate e l’autunno 1944 furono rinchiusi molti prigionieri fascisti. La loro sorte era segnata: venivano torturati e poi uccisi (…) erano tutti uomini, a parte due donne.

Una era un’ostetrica genovese, fra i trenta e i quarant’anni, bionda e con la testa rapata in modo selvaggio, coperta di croste rossastre. In seguito fu poi violentata e fucilata.

L’altra donna era molto più giovane e nessuno sapeva che fine avesse fatto.”

 In seguito Gianpaolo Pansa rintracciò la donna, Lucia R., e ne raccolse la testimonianza:

 Nel 1944 aveva 19 anni e frequentava la terza liceo classico a Genova. Una domenica di settembre era andata a visitare uno zio ammalato, fascista delle ultime file, commissario prefettizio di un piccolo comune della Valle Scrivia.

Quel giorno alla porta dello zio bussarono tre sconosciuti, partigiani arrivati per ucciderlo. Ma lui non c’era perché la sera prima era stato ricoverato all’ospedale di Novi Ligure.

Il terzetto trovò soltanto Lucia, la prese e la portò a Brogli (…) «arrivai a Brogli in preda alla disperazione. Il capo del lager, il famoso Walter, mi accusò di essere un’ausiliaria fascista, per di più parente di un podestà repubblichino (…) si divertiva a spaventarmi, i suoi uomini assistevano ridendo e insultandomi. Ma il peggio doveva ancora arrivare e successe la prima sera.

Mentre tutti i prigionieri venivano rinchiusi nel casone, mi portarono in una casupola vicina al comando del campo. Ero una ragazza illibata e quella sera persi la verginità. Il primo a violentarmi fu Walter, che poi mi passò a due russi. Mi presero con una brutalità bestiale, perché ero una troia fascista, così dicevano. Quando mi riportarono nel casone dei prigionieri, sanguinavo, avevo la faccia nera per le botte ricevute (…) pensavo che dopo essersi sfogati, Walter e i suoi uomini mi avrebbero lasciato in pace. Ma il giorno successivo mi resi conto che ero considerata una preda da stuprare a loro piacimento.

Mi facevano uscire tutti i giorni dal casone e mi usavano come fossi una prostituta al soldo della banda di Brogli (…) La mia tortura durò tutto il mese di ottobre (…) a salvarmi fu l’arrivo a Brogli di un commissario politico anziano (…) Mi sono accorsi anni per liberarmi dell’orrore di Brogli».

In un altro capitolo del suo libro, Giampaolo Pansa, descrive la vicenda di Giuseppe Ugazi e delle sue due figlie.

Nell’agosto 1944, a Galliate viveva Giuseppe Ugazio, 43 anni, segretario del fascio repubblicano di quel comune (…) Ugazio viveva con due figlie. Cornelia, 21 anni studiava Medicina all’Università di Torino (…) la più piccola, Mirella detta Mirka, 13 anni. Verso le nove di sera del 28 agosto si presenta alla trattoria San Carlo, dove se ne stava seduto con un paio di amici, una pattuglia di militi della repubblica e invitano l’Ugazio a seguirli insieme alle figlie perché si teme un attacco dei ribelli.

Il segretario del fascio e le due ragazze salgono sull’automobile dei militi e soltanto all’ora scoprono di essere caduti nelle mani dei partigiani garibaldini travestiti da fascisti.

Li conducono attraverso i campi sino a una cascina isolata, la Negrina, qui li aspettano una ventina di ribelli che hanno già occupato il cascinale.

I partigiani mangiano e bevono, sotto lo sguardo atterrito dei tre ostaggi. Il padre di Cornelia e Mirka spera ancora di salvare almeno le figlie, poiché tra i ribelli ha riconosciuto un giovane di Galliate. Poi si rende conto di non avere via di scampo. Viene spinto in un boschetto vicino al podere, legato a un albero e torturato sotto gli occhi delle ragazze.

La sua vita sta per concludersi. I partigiani lo finiscono spaccandogli il cranio con il calcio dei moschetti. Subito dopo tocca alle figlie. Sia Cornelia che la piccola Mirka sono stuprate. I ribelli se le passano di mano per l’intera notte. E’ quasi l’alba del 29 agosto quando le ragazze non danno più segni di vita.

La banda trascina i corpi nel boschetto, accanto al cadavere del padre. Gli stupratori scavano una fossa poco profonda, una trentina di centimetri, non di più.

Al contatto con il freddo del terreno, Cornelia e Mirka si riprendono. Allora i partigiani fracassano la testa della ragazza più grande con i moschetti e soffocano Mirka, schiacciandole il collo con uno scarpone.

Poi se ne vanno poco dopo l’alba. E riprendono a combattere per la rivoluzione comunista”.

Giampaolo Pansa riporta il numero di 2.365 donne uccise, spesso prima stuprate dai partigiani, di cui si conosce il nome e la vicenda. A cui bisogna aggiungere le centinaia di donne violentate che sono riuscite a sfuggire alla morte e che per un comprensibile senso di pudore hanno taciuto. E quelle picchiate, rapate a zero ed esibite come trofei per la sola colpa di essere fidanzate di soldati fascisti.

Ausiliaria-1

Servizio Ausiliario Femminile (SAF) della Repubblica Sociale Italiana. Le prime donne soldato d’Italia, giovani e giovanissimi, tutte volontarie catturate dai partigiani venivano spesso stuprate e uccise

526389_158204071038508_930866388_n-634x422

Scena tratta dal film di Antonio Bellucco “Il Segreto d’Italia” con Romina Power che narra una delle tante, tantissime pagine di storia  cancellata, quella della strage partigiana di Codevigo

Quando il 25 Aprile i partigiani riconosceranno le nefandezze della loro parte allora, solo allora si potrà parlare di pacificazione e voltare finalmente pagina.

Gianfredo Ruggiero, presidente del Circolo Culturale Excalibur – Varese

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia negata. Contrassegna il permalink.

25 risposte a PRODEZZE PARTIGIANE

  1. luigi pedretti ha detto:

    BUONA SERA, i signori commemorano ad ogni piè sospinto l loro “eroiche” gesta: 25 aprile, film, targhe sulle strade, monumenti, premi ecc, ecc.
    Allora la mia conclusione è questa: noi siamo nostalgici del buon governare fascista, loro sono nostalgici della guerra civile. Si vergognino
    Luigi Pedretti

    • augusto ha detto:

      se loro sono nostalgici della guerra civile… voi lo siete della guerra totale. Della serie : non so quello che scrivo.

      • Luca ha detto:

        Bell’imbusto, anche tu ami stuprare giovinette? Sei solo un frustrato pervertito che compierebbe atrocità in nome del comunismo? Sei solo un servo dei sevi dei servi… Fate schifo al cazzo, perversi psicopatici di merda.

  2. Giuliano Ginepri ha detto:

    Sono solo delle merde. Altro che eroi…. Hanno solo avuto il buco di culo di poter salire sul carro dei vincitori!

  3. Primo Siena, Santiago del Cile ha detto:

    Queste scene ed il testo che le commenta dovrebbero essere inviate: Al Presidente della Repubblica, alla Presidente della Camera, Boldrini, al magistrato che presiede il Senato – massime autorità della Repubblica nata dalla resistenza antifascista – affinchè riflettano su di esse prima di accingersi a declamare i loro discorsi sulla “liberazione” d’Italia del prossimo 25 d’Aprile.

  4. Sono indubbiamente nuovi documenti che aiutano a riscrivere la storia. Raccomando, tuttavia, di presentarli, commentarli, possibilmente con sentimenti di pietà, come fa il cristiano, per chi ha subìto prima sotto il regime fascista ed offeso poi vestito di militanza comunista. La storia racconti, ricostruirla è necessario. Ora siamo uomini e donne liberi, dai fascisti del tempo e dai comunisti del tempo. Continuiamo a lavorare per migliorare questo mondo contemporaneo liberandolo dal malaffare per restituirlo sano, virtuoso, vigoroso anche a quanti verranno dopo di noi.
    Pasquale Tucciariello
    http://www.tucciariello.it

    • elena ha detto:

      Mi sembra il commento più giusto, sensato e liberatorio

      • excaliburitalia ha detto:

        Io invece ritengo che sia una risposta di comodo. Non si può costruire un futuro senza verità storica. Comodo dire voltiamo pagina e nel frattempo continuiamo a denunciare i crimini di una parte e ignorare le nefandezza dell’altra parte.

  5. augusto ha detto:

    se loro sono nostalgici della guerra civile… voi lo siete della guerra totale. Della serie : non sai quello che scrivo.

  6. Pingback: I divoratori dell’Italia repubblicana si preparano alle solite carnevalate dell’oblio e all’apologia dei crimini partigiani? Ecco uno scorcio dei loro misfatti | L' Europa della Libertà

  7. Pingback: 11 aprile 2016 ALCUNE VOLTE RITORNANO – “AZIONE NAZIONALE” A ORVIETO – PRIMA PICCONATORI E POI RICOSTRUTTORI – QUALCUNO LI AVVISI CHE SONO MORTI E SEPOLTI ALTRE NEWS ( Irpinia Terra di Castelli – Convegno organizzativo

  8. Fabio Revel ha detto:

    E’ facile reagire con indignazione a questi fatti. Bisogna chiedersi perché i partigiani (NOTA: non tutti fecero queste cose) si sono ridotti così. Chiedetelo tutti voi che vi indignate. Cosa rende gli uomini delle belve, che cosa eh? Avanti rispondete! Gianfredo il primo che deve rispondere sei tu! Rispondi avanti! Non è per caso hanno visto i lori compagni finire così? Non è per caso che i fascisti ne hanno fatto di peggio? Ho letto anche libri su quello che ha fatto il fascio anni e anni prima (tutti gli anni che è rimasto al potere). Festeggiavano il potere e come trattavano gli OPPOSITORI? Come li trattavano? Rispondete, avanti!
    I partigiani ne hanno viste e subite di peggio per ridursi in quello stato, non vedete che facce hanno mentre pestano una povera ragazza? Pensate che siano nati così? Rispondete!
    Gianfredo sei MOLTO PARZIALE a diffondere questo messaggio.
    Fabio Revel
    Cuggiono (MI)
    62 anni

    • excaliburitalia ha detto:

      Dei crimini fascisti ne sono pieni i libri,ma delle nefandezze partigiani cosa sappiamo? Nulla, praticamente nulla…e questo le pare giusto? La storia, se gli storici fossero onesti, la scriverebbero tutta e per intero e non solo la parte che fa comodo.

    • umberto ha detto:

      Quante decine e decine di milioni di morti ha fatto il comunismo? Quanta miseria ha prodotto? Il fascismo è finito, morto e sepolto, il comunismo no. Il comunismo vuole legittimare se stesso inventandosi una contrapposizione con un fascismo che non c’è.

  9. Pingback: 25 aprile: la storia sporca, la storia nascosta. Intervento e chiarimento | L' Europa della Libertà

  10. Pingback: Nel nome delle ragazzine e donne trucidate dai CRIMINALI partigiani. CRIMINI finora inespiati e imprescrivibili, crimini contro l’umanità. Al QUIRINALE non si può più nascondere la verità! | L' Europa della Libertà

  11. Pingback: Nel nome delle ragazzine e delle donne trucidate dai CRIMINALI partigiani. CRIMINI finora inespiati e imprescrivibili, crimini contro l’umanità. Al QUIRINALE non si può più nascondere la verità! | L' Europa della Libertà

  12. Pingback: Nel nome delle ragazzine e delle donne trucidate dai CRIMINALI partigiani. CRIMINI finora inespiati e imprescrittibili, crimini contro l’umanità. Al QUIRINALE non si può più nascondere la verità! | L' Europa della Libertà

  13. Pingback: PRODEZZE PARTIGIANE, come i liberatori trattavano le donne catturate - Bua Srl - Adriano Busolin

  14. Pingback: Libera Opinione » prodezze partigiane: ome i liberatori trattavano le donne catturate

  15. Pingback: L’ A N P I PUO’ DIRE QUELLO CHE VUOLE……. ERANO SOLO DEI CRIMINALI !!!! | MAJANO GOSSIP - Patrick Pierre Bortolotti – LA DESTRA

  16. Salvatore ha detto:

    Criminali sono stati in entrambi gli schieramenti.Cio’ non giustifica né sminuisce le colpe ; Né ha senso stabilire chi ha cominciato e chi ha risposto. Bisogna guardare serenamente avanti .Perdonare e non dimenticare: La storia serve a non commettere gli stessi errori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...